Centro documentazione territoriale Maria Baccante

Martedì 24 marzo anniversario delle Fosse Ardeatine: intitolazione ad Angelo Galafati dei giardini davanti la scuola Enrico Toti

GIARDINO “ANGELO    GALAFATI”
UN NUOVO SPAZIO VERDE PER IL PIGNETO

galafati

 

Da 8 anni il quartiere aspettava la restituzione di questo importante spazio verde davanti la scuola “Enrico Toti”, che il lungo cantiere della Metro C ci aveva sottratto. Finalmente i bambini e le bambine sono tornati a giocare, con i “giochi” desiderati e fortemente rivendicati dai genitori della scuola e dagli abitanti del quartiere.

Un giardino intitolato il 24 marzo 2015 ad Angelo Galafati, un antifascista del Pigneto, uno dei 335 civili uccisi dai nazisti il 24 marzo del 1944 alle Fosse Ardeatine.

Una richiesta avanzata dal 2008 dall’associazione S.N.I.A.,  presentata ufficialmente dalla sezione A.N.P.I. Pigneto Torpignattara all’Ufficio Toponomastica nel 2013 e sostenuta dal Municipio nell’ambito dei progetti sul recupero della memoria storica del quartiere, portati avanti insieme alle scuole del territorio, che ci hanno già portato a intitolare a Persiani e Nuccitelli il giardino in via Mariano Da Sarno, e poi una sala ad Antonio Atzori nella biblioteca comunale.

Angelo Galafati nasce nel 1897 nel viterbese e combatte durante la prima guerra mondiale, ottenendo la medaglia d’argento al valor militare.
Nel 1923 si trasferisce a via Fortebraccio con la famiglia. Perde il lavoro per motivi politici e si adatta a lavorare come “pontarolo”, costruisce cioè i ponteggi in legno per l’edilizia.
Dopo la destituzione di Mussolini del 25 luglio 1943, Angelo aderisce all’organizzazione partigiana del  Movimento comunista d’Italia, detto anche Bandiera Rossa.
Durante l’occupazione nazista ha il compito di nascondere i militari disertori e i soldati alleati che, dopo l’8 settembre 1943, evadono dai campi di prigionia e cercano di passare le linee nemiche verso sud per raggiungere le forze alleate. Fra gli abitanti del Pigneto si crea una fitta rete di solidarietà e diverse famiglie accettano di nascondere i soldati, rischiando la vita.
Il 13 marzo del 1944, a causa di una delazione, i nazifascisti organizzano una retata a via Fortebraccio. Arrestano Angelo e alcuni soldati stranieri ospitati nelle case del quartiere. Cercano anche una donna partigiana, Maria Baccante, che però sfugge all’arresto. Portato a Regina Coeli, Angelo è prelevato insieme ad altri il 24 marzo, per essere ucciso alle Fosse Ardeatine. Dopo il massacro la cava viene fatta esplodere. Per lunghi mesi la famiglia di Angelo ignora la sua morte, pensa che sia stato deportato in Germania e vive nell’attesa del suo ritorno. (da “La storia nelle strade – Pigneto ‘44  Ribelli!”)
La  storia di Angelo Galafati e della rete di sostegno e di militanza messa in piedi dal suo gruppo per la lotta antifascista, ci parlano di coraggio, di impegno, di solidarietà e rappresentano per noi un punto di riferimento irrinunciabile, per proseguire con entusiasmo nelle tante piccole e grandi lotte per conquistare nuovi spazi per la cultura e la socialità, e per difendere e miglorare la nostra qualità della vita.

Comitato di quartiere Pigneto
Sezione A.N.P.I. Pigneto Torpignattara
Centro documentazione territoriale Maria Baccante – Archivio Storico Viscosa
C.S.O.A. eXSnia
The short URL of the present article is: http://www.archivioviscosa.org/3UmLh

I commenti sono chiusi.